Osservatorio scuola

Giuseppe Adernò

La Buona Scuola secondo Confindustria

09102014102824_sm_9263

Sono cento le proposte di Confindustria per la ‘Buona Scuola‘ da integrare alle 12 del Piano del Governo. Sono state presentate in occasione della prima Giornata dell’Educatione che si è svolta alla LUISS di Roma, con la partecipazione del presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi e del ministro per l’istruzione Stefania Giannini.

Il progetto-programma del Ministero che appare disegnato nel dossier su “La Buona Scuola” appare ancora incerto e si presenta con numerosi punti interrogativi.

Appare chiara la direzione di marcia, ha detto il direttore  generale del MIUR Sicilia, Maria Luisa Altomonte intervenuto all’incontro-studio, promosso da “La Tecnica della Scuola” presso il Liceo “Turrisi Colonna” di Catania:  “è un cammino in salita che tende ad andare controcorrente, essendo giunti nel buio di una situazione ingovernabile”.

Ritorna attuale l’espressione del filosofo George Christoph Lichtenberg : “Io non so se le cose andranno meglio, quando andranno diversamente; ma una cosa è certa, dovranno andare diversamente”. Si è giunti ad un punto di non ritorno e quindi se non si vuole far affondare la nave, occorre sistemare i motori e ripartire.

Sono molte le cose che necessitano cambiamenti e assestamenti ed anche la Confindustria suggerisce alcune idee che sono indirizzate all’efficienza e alla qualità.

Valutazione, merito, autonomia e competenze, sono le quattro ruote che mettono in movimento la macchina della scuola e nello specifico, sentiti anche i pareri di alcuni docenti, si potrebbe riprendere in considerazione la questione del merito ed in particolare il carico di lavoro dei singoli docenti.

Una certa differenziazione, in aggiunta allo stipendio base, potrebbe venire dal fatto che alcuni discipline, strutturate in prove scritte e orali, comportano l’onere aggiuntivo della correzione dei compiti e tale lavoro aggiuntivo va riconosciuto.

La qualità professionale del docente ha la sua centralità nell’azione didattica in classe e nell’impegno educativo della docenza che produce apprendimenti e quindi crescita e sviluppo della persona.

Anche su sollecitazione dell’UCIIM quest’affermazione figura nel documento Renzi e sembra una positiva conquista ed un meritato riconoscimento al lavoro diligente, silenzioso e operoso dai tanti “bravi docenti” che danno priorità all’azione didattica in classe e utilizzano i progetti non come fine, ma come mezzo. Il progetto della scuola è, infatti, quello di istruire, formare, educare, mentre la scuola dei progetti, a volte, ha distratto l’attenzione di alcuni, lasciando anche le classi scoperte.

Sulla “Buona Scuola” anche la Confindustria che propone lo stipendio in base alle funzioni svolte, differenziato per il carico disciplinare e per le attività e gli impegni aggiuntivi.

Quest’operazione viene giudicata da alcuni come “una sorta di bracciantato della docenza con salario legato al merito o al prodotto”.

Il fatto che i genitori chiedono alla scuola l’iscrizione in un determinato corso per avere quei determinati docenti è già una linea di valutazione interna che, al momento, appare come un “si dice”, ma che, in seguito, dovrà trovare adeguata pianificazione.

La professionalità del docente merita di essere riconosciuta e valorizzata e se un albero si apprezza per la bontà dei suoi frutti, anche gli esiti finali costituiscono elementi valutativi, ma non possono diventare parametri standardizzati che favoriscano “voti regalati e promozioni facili”.

L’abolizione del valore legale del titolo di studio, valorizzando meglio la valutazione formativa che descrive il processo e guida al miglioramento del prodotto, costituisce una nuova apertura, dando all’esame finale, previsto dalla Costituzione al termine di ciascun ciclo di studio, una dimensione educativa di verifica e di autovalutazione, tendendo verso un rinnovato sistema di certificazione delle competenze acquisite al termine del percorso di studio.

Il progressivo svuotamento delle GaE previsto per il 1° settembre 2015 darà certamente una nuova linea di organizzazione scolastica, e con l’organico d’istituto si modificherà la procedura complessa dell’organico di diritto e, di fatto, agevolando le procedure delle nomine così da consentire un regolare avvio dell’anno scolastico con tutto l’organico completo sin dai primi giorni di settembre.

 Giuseppe Adernò

12 ottobre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags

Giuseppe Adernò

Giornalista pubblicista dal 1978 e preside da settembre in pensione, sono direttore del sito AETNANET e presidente dell’UCIIM (Unione Cattolica degli Insegnanti) e dell’UCSI (Unione cattolica stampa Italiana). Collaboro con diverse riviste del settore scuola (Tecnica della Scuola, Scuola e Didattica, La Scuola e l’Uomo ) e periodici anche on line ( Zenit, La Letterina ASASI e Pavone Risorse) anche come “direttore responsabile” de “Il filo diretto” e di “Equinotes”.

Utenti online