Osservatorio scuola

Giuseppe Adernò

Concorso infanzia e primaria, cosa non va

Concorso infanzia e primaria, cosa non va

Il bando per il concorso straordinario riservato ai docenti di infanzia e primaria diplomati magistrale entro l’a.s. 2001/02 o laureati in Scienze della formazione primaria con due anni di servizio, parte con il piede sbagliato.

Viene riconosciuto e reso valido soltanto il servizio prestato nelle scuole statali e non quello delle scuole paritarie e cattoliche che sono quelle che maggiormente offrono questo servizio  educativo alle famiglie, svolgendo una preziosa attività di supplenza e di integrazione  dei servizi non sempre presenti nelle strutture statali.

E’ strano constatare come viene riconosciuto valido per l’accesso al concorso straordinario il  titolo di abilitazione per infanzia e primaria, conseguito all’estero,  e pagato con cifre a sei zeri  e non il servizio  effettivo svolto con competenza e professionalità da tanti docenti delle scuole cattoliche, che oggi, purtroppo, sono costrette a chiudere per mancanza di iscritti e per la difficoltà a mantenere le spese per garantire  il regolare servizio scolastico che è pubblico, anche se svolto in strutture non statali.

Il Sen. Mario Pittoni, presidente della Commissione Cultura del Senato e responsabile Istruzione della Lega, spiega i motivi di questa scelta “limitare il prevedibile assalto alla diligenza che penalizzerebbe in primo luogo proprio coloro ai quali il concorso è rivolto) della loro professionalità“.

Tra le righe si legge che qualcuno si preoccupa che i docenti delle scuole cattoliche, essendo più preparati, conseguendo una valutazione più elevata siano i potenziali vincitori del concorso e qualcuno non vuole che la scuola statale accolga docenti eccellenti, preziose  risorse  ricche di elevata competenza didattica e metodologica.

Secondo quanto si legge, si attende  adesso la firma del Presidente Mattarella e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale per esplicare i suoi effetti.

Si auspica che il Presidente Mattarella noti questa discriminazione, in netto contrasto con la Legge 10 marzo 2000, n. 62, che riconosce alle scuole paritarie e alle scuole cattoliche la medesima funzione educativa delle scuole statali, rendendole parte integrata del “sistema nazionale d’istruzione “ giacché svolgono anch’esse un “servizio pubblico”.

Giuseppe Adernò

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti

Giuseppe Adernò

Giornalista pubblicista dal 1978 e preside da settembre in pensione, sono direttore del sito AETNANET e presidente dell’UCIIM (Unione Cattolica degli Insegnanti) e dell’UCSI (Unione cattolica stampa Italiana). Collaboro con diverse riviste del settore scuola (Tecnica della Scuola, Scuola e Didattica, La Scuola e l’Uomo ) e periodici anche on line ( Zenit, La Letterina ASASI e Pavone Risorse) anche come “direttore responsabile” de “Il filo diretto” e di “Equinotes”.

Utenti online